Cosa fa l’architetto dell’informazione

Cosa fa l'architetto dell'informazione
Il compito dell’architetto dell’informazione è creare un’esperienza che permetta all’utente di concentrarsi sui propri compiti, e non solo sull’orientarsi. Ma in pratica cosa fa l’architetto dell’informazione?

Gli architetti dell’informazione lavorano per strutturare i contenuti in modo che sia facile per gli utenti trovare ciò che stanno cercando. Maggiore è il contenuto, più significativo è il ruolo dell’architettura dell’informazione nel processo di progettazione.

Ecco il suo ruolo e alcune attività che svolge, in genere, un architetto dell’informazione.

Cosa fa l’architetto dell’informazione nella pratica

  1. Ricerca e classificazione

La ricerca di ciò di cui gli utenti hanno bisogno e desiderano è fondamentale per creare un design IA efficace. Attraverso la ricerca, gli architetti dell’informazione possono apprendere il pensiero del pubblico di destinazione quando naviga su un sito web. Questo li aiuterà a organizzare le informazioni in modo da soddisfare le esigenze dell’utente.

In pratica, l’architetto dell’informazione prende parte attiva a:

  • Interviste agli utenti, ponendo domande relative alla progettazione del sito web.
  • Sessioni di card sorting e tree testing: vedere come i potenziali utenti raggruppano le informazioni aiuta il professionista dell’IA a comprendere i modelli mentali degli utenti.
  • Test di usabilità per determinare se la struttura creata sia funzionale per gli utenti.
  • Indagini contestuali: gli architetti dell’informazione potrebbero anche visitare gli utenti in ambienti reali per vedere come interagiscono con il sito web.
  • Inventario dei contenuti, raggruppamento dei contenuti per comprendere quale sia la mole e la tipologia di contenuto su cui lavorare e dove sia allocata.
  1. Tassonomie ed etichettatura

La tassonomia è la pratica di organizzare e classificare gli elementi in base alle somiglianze. Questo esercizio segue in genere i processi di ricerca degli utenti e di inventario dei contenuti. L’IA potrebbe classificare gli elementi utilizzando categorie, sezioni o tag di metadati. Durante questo processo, è importante ricordare che il contenuto e le funzionalità del prodotto cresceranno, quindi il modo in cui questi sono organizzati deve essere facilmente scalabile.

  1. Creazione di gerarchia e navigazione

La gerarchia e la navigazione sono due componenti essenziali dell’IA. La prima definisce la struttura del contenuto, mentre la seconda definisce come gli utenti si muoveranno attraverso di esso.

Per creare una gerarchia, l’IA deve considerare ciò che l’utente si aspetta di vedere (in base alla ricerca dell’utente) e come l’azienda vuole mostrare le informazioni (in base ai requisiti del progetto). In questa fase, i professionisti pensano a scenari tipici di interazione utente-sito e utilizzano queste informazioni per progettare diagrammi dell’architettura delle informazioni. Di solito questi diagrammi mappe del sito web che illustrano la gerarchia dei suoi contenuti.

  1. Come fa prototipazione l’architetto dell’informazione

Un architetto dell’informazione può anche creare prototipi semplici e a bassa fedeltà per dimostrare la gerarchia delle informazioni e della navigazione. Sulla base delle informazioni raccolte durante la fase di ricerca, l’architetto delinea le idee per mostrare quali pagine avrà un sito web, quali contenuti saranno su quelle pagine e come disporli.

Cosa fa l’architetto dell’informazione per la prototipazione?

In genere per far questo gli architetti IA creano wireframe cliccabili che servono solo a scopo di utilità, con un numero limitato di elementi grafici.

Successivamente, i web designer (o ux designer) utilizzano questi wireframe come riferimento per creare i layout effettivi.

Conclusione

La progettazione svolta da un architetto dell’informazione, crea le basi per un’esperienza utente efficiente. I contenuti ben organizzati e ben strutturati aiutano gli utenti a interagire con il sito web, il che porta ad una migliore esperienza utente.