Avete 1000 siti web da consultare (bhè anche meno..)?

Con la tecnica feed RSS potete consultare un posto soltanto, il contenitore di news che raccoglierà per voi tutti gli aggiornamenti in tempo reale di tutti i vostri 1000 migliori siti web.

E senza doverli visitare ogni volta uno per uno per vedere se ci sono delle novità.
In inglese “seguire” si dice “feed” ed RSS sta per Really Simple Syndication, che potremmo tradurre in italiano più o meno con “semplice diffusione di contenuti”. Quindi Feed RSS significa seguire gli aggiornamenti mediante semplice diffusione di contenuti.

RSS è un file particolare (un file standard di tipo xml che ha la particolarità di venir riconosciuto e letto da tutte le applicazioni internet). Viene usato dai siti web  per distribuire ai visitatori  i loro contenuti (qualsiasi tipo di informazione). Comunemente questi file vengono chiamati feed.

I feed RSS sono indispensabili per non perdersi nel mare di informazioni che offre il web: permettono di navigare in maniera più puntuale ed efficiente.

Gli RSS sono diventati una modalità standard per la distribuzione di contenuti su web; l’icona che indica un RSS feed si trova oramai su tutti i siti web.

L’icona RSS è un quadrato arancione con una specie di onda radio bianca interna.

Solitamente l’icona è accompagnata da una frase “sottoscrivi il mio feed”, “RSS feed” o altre varianti, compreso “XML”.

Questa icona serve per sottoscrivere i feed RSS, ossia per abbonarsi alle news di quel particolare sito web. GRATUITAMENTE.

Basta cliccarla.

Per utilizzare i  feed rss occorre infatti abbonarsi, sottoscrivere i servizi web che ci  interessano, proprio come ci si abbona a una rivista periodica o a dei canali televisivi. Sottoscrivere il feed rss, abbonarsi cioè,  ci consente di ottenere una notifica immediata dell’arrivo di nuovo contenuto nei siti web che ci interessano e a cui ci siamo abbonati. E non è una cosa che bisogna pagare!!!!

La notifica a chi viene fatta? Dove possiamo vederla? 

Questi aggiornamenti provenienti da diverse fonti sul web vengono raccolti insieme in un unico contenitore che li aggrega, li raccoglie e si chiama, appunto, aggregatore di feed RSS.

Gli aggregatori di feed rss si chiamano anche feed reader, ossia lettori di feed.

L’aggregatore di  feed  va scelto. Può essere un software che si installa sul proprio PC, come iTunes della Apple o un sevizio web come Google Reader o Feedburner.

Il feed Reader  più popolare è Google Reader, gratuito e facile da utilizzare, a cui si può accedere con lo stesso account di Google.

Molto ben fatto, elegante colorato e funzionale è invece Netvibes, che consente di personalizzare la grafica e gli sfondi in modo da rendere il web design più gradevole.

[ Chi possiede la versione 2 di Firefox o la versione 7 di Internet Explorer ha già un lettore RSS incluso nel browser ]

Una volta che abbiamo scelto il nostro aggregatore di feed, lì dentro andranno a finire automaticamente tutte le notifiche, tutte le news provenienti dai nostri siti web preferiti e che a cui abbiamo scelto di abbonarci cliccando sull’icona feed RSS.

Gli aggregatori di feed sono semplici come una casella email: ogni volta che un nuovo episodio di una web tv o un post da un blog, o una news del vostro giornale online vengono pubblicati su web, i titoli e i link a questi aggiornamenti compaiono in cima al feed reader proprio come una nuova e-mail viene vista in cima alla vostra casella di posta elettronica.

Per far funzionare i feed RSS bisogna collegarli con l’aggregatore e lo si fa tramite un apposito link, quello che viene fornito quando si clicca l’icona RSS per abbonarsi al contenuto della pagina web.

Quando clicchiamo sull’icona RSS possono succedere due cose: o si apre una finestra con elencati i più comuni aggregatori di feed e lì possiamo scegliere il nostro, il link al feed verrà inviato automaticamente a quell’aggregatore; oppure viene fornito il link al feed rss della pagina web in cui siamo e che ci interessa e questo link dovrà essere ricopiato (a mano) nel nostro feed reader.