Cosa significa hosting?

Hosting deriva dal verbo inglese “to host”, ospitare.
Un sito deve essere sempre visibile online e quindi è necessario che sia ospitato all’interno di un computer sempre connesso ad internet.

Questo computer si chiama server ed è generalmente di proprietà della società che vi fornisce ospitalità, che ospita il vostro sito web.

Cos’è il servizio di hosting?

Si parla di servizio di hosting quando su di un unico server del fornitore del servizio vengono ospitati molti siti internet appartenenti a clienti diversi.

Ciascun sito ospitato sul server occupa una porzione dello spazio disco del server e condivide con gli altri siti le risorse di quel computer (memoria, processore, accesso alla rete).

Se non si vuole condividere il server con altri clienti, occorre acquistare un hosting dedicato ossia un servizio in cui un unico server viene messo a completa disposizione del cliente che lo può usare per un solo sito web o per più siti di sua proprietà.

Esistono hosting gratuiti?

I domini di terzo livello vengono spesso forniti gratuitamente da società di hosting perché ricavano introiti dalla pubblicità che loro inseriscono nelle nostre pagine web, una volta che abbiamo accettato il loro servizio.

Ad esempio il mio blog all’inizio era realizzato tramite dominio di terzo livello con il servizio Blogger di Google: “apprendisti-digitali.blogspot.com”. Qui “blogspot.com” è il nome di dominio mentre apprendisti-digitali è un sottodominio, gratuito.

Posso personalizzare il nome di dominio che mi ha fornito un hosting gratuito?

Questi servizi di hosting consentono sempre di togliere il sottodominio e trasformare il tutto in un dominio personalizzato, previo pagamento di una (generalmente piccola) quota.

Registrazione dominio e hosting devono essere presi dalla stessa società?

E’ possibile registrare il nome di dominio e acquistare l’hosting da due società diverse: una società infatti può far pagare la registrazione di domini 10 euro e ospitarli sui suoi server (servizio di hosting) per 20 euro; un’altra società può offrire invece domini a 5 euro e far pagare l’hosting 40 euro. Conviene allora registrare il dominio con la seconda società e usare il servizio di hosting della prima società.

Spesso lo si fa non solo per motivi economici ma perché si scoprono col tempo, dopo aver registrato il dominio, società che offrono servizi migliori, più completi e vantaggiosi anche in termini di efficienza.