I Social sono luoghi in cui gridare il nostro messaggio, come una piazza affollata del mercato in cui le voci si sovrappongono riducendo ad un brusio il discorsetto che ci eravamo preparati con cura.

Ma esiste un modo vecchio stile per comunicare, un modo più intimo e sussurrato, la cara vecchia email.

Nell’email siamo uno a uno, un luogo dove dobbiamo sfruttare tutte le nostre abilità di venditori.

Anche se usiamo altre piattaforme di comunicazione, prima o poi ci troviamo di fronte ad un invio email al nostro contatto. 

E’ l’attimo in cui dobbiamo convertire un contatto interessato in un cliente soddisfatto. Si tratta di trasformare l’attenzione in business.

E dobbiamo essere così abili da non trasformare in spam un mezzo prezioso!

  • Facciamo attenzione all’oggetto del messaggio, dobbiamo scrivere testi persuasivi. Raccontiamoci nel più breve spazio possibile.
  • Facciamo attenzione al mittente, deve essere chiaro chi manda il messaggio, magari con un nominativo e un ruolo.
  • Guardiamo la nostra casella di posta per vedere cosa va in spam e cosa no.. guardiamo gli oggetti di tutte queste email per renderci conto di cosa leggono i destinatari già nell’elenco delle anteprime ..
  • Segnamo gli oggetti delle email che ci hanno colpito, quelli che ci hanno lasciato indifferenti, quelli che ci hanno fatto sentire subito di essere truffe o spam. 

Esercitiamoci un po’ per imparare dagli errori degli altri. Progettiamo la nostra email prima ancora del post sul blog o dell’articolo sul sito web. Il web deve essere a servizio della email di fidelizzazione. Dentro il corpo dell’email potremo mettere link ai contenuti che avremo preparato a corredo dell nostra campagna.