Siamo abituati a vedere i siti web scritti come www.siteinside.com

Il www è talmente frequente che è familiare anche se non sappiamo navigare su internet.

Eppure, le parti “http” e “www” che leggiamo nell’indirizzo internet completo (ad esempio http://www.siteinside.com) non fanno parte del nome di dominio.

E allora che cosa indicano?

Indicano un modo di trasferire i dati e le informazioni su internet secondo delle regole ben precise (si parla di protocollo http). Il computer collegati in rete interpretano queste sigle e sanno come comportarsi.

Noi non ci dobbiamo preoccupare di questo perché i computer collegati a internet lo fanno in automatico. Talmente in automatico che se scriviamo un indirizzo internet senza “http://” e senza “www” davanti, il sito web è visualizzato ugualmente. 

Ad esempio io posso scrivere nella barra degli indirizzi internet del browser “siteinside.com” oppure “www.siteinside.com” oppure ancora “http://www.siteinside.com“ e visualizzerò sempre lo stesso sito web, senza errori.

Il prefisso “www” che usiamo per scrivere l’indirizzo internet non è l’unico: può essere, ad esempio, anche “ftp” oppure ”mail” o “webmail”. Questi prefissi non fanno parte del nome di dominio e vengono detti host name. 

Gli host name identificano un computer ben preciso, il computer che gestisce la nostra posta (mail) oppure che si occupa del trasferimento dei nostri file (ftp) oppure ancora che ospita il nostro sito web (www). 

Anche se noi non lo vediamo, dietro a quei prefissi (host name) generici, c’è un codice numerico ben preciso che identifica un computer ben preciso. Chi fa tutto questo per noi è la società a cui abbiamo richiesto le caselle di posta o che ospita nei suoi computer server il nostro sito web.